Autoproduzione Previous item Cosmetici Naturali Next item La visione del mese

AUTOPRODUZIONE

In questi anni di attività, ho notato come siano principalmente due le categorie di persone che si sono avvicinate all’autoproduzione casalinga di cosmetici.
Da una parte coloro che lo scelgono per ragioni etiche: a questo gruppo appartengono in genere coloro che fanno del ‘fai da te’ e del naturale la propria filosofia quotidiana, che utilizzano ingredienti a km zero, e che ricercano la ‘lentezza’ in ogni aspetto della vita.
Dall’altra parte coloro che invece devono combattere malattie della pelle o allergie di varia natura, e per i quali è davvero difficile riuscire a trovare il prodotto giusto (anche solo uno shampoo): procedono per tentativi ed alla fine decidono di cimentarsi con l’autoproduzione per essere certi della naturalità e semplicità della preparazione.
Poi c’è chi – come me fino a qualche tempo fa – guarda all’autoproduzione con sincero interesse ed apprezzamento per chi l’ha scelta, ma che non vi si cimenta per mancanza di tempo, praticità o presunta incapacità.
Come detto, io appartenevo a quest’ultimo gruppo. Ora però sperimento volentieri ed ho capito che il mondo dell’autoproduzione è molto vasto e ciascuno di noi può ‘spignattare’ a sua misura.
Ho cominciato ad autoprodurre per puro caso: qualche estate fa decisi di seminare dei fiori di calendula, che sbocciarono numerosissimi, così pensai di fare l’oleolito, mettendoli a macerare in olio di Mandorle e di Jojoba. Trascorsi i giorni canonici di riposo, filtrai e imbottigliai dicendomi che poi avrei sicuramente trovato il modo di utilizzarlo.
Qualche giorno dopo, mi ritrovai fra le mani una confezione di cera vergine di api che avevo dimenticato di avere, e mi si accese la classica lampadina: proviamo a produrre un unguento alla calendula! E così feci, aggiungendo del burro di karité ed alcuni oli ossenziali ad hoc! Naturalmente il mio unguento ha riscosso notevole successo fra amici e parenti.

Perché autoprodurre?
Ciascuna e ciascuno di voi ha le proprie risposte.
Io autoproduco soprattutto balsami, unguenti e personalizzo creme e basi lavanti (di cui controllo l’INCI). Lo faccio perché posso decidere quale principio attivo inserire alla preparazione, perché scelgo gli ingredienti, la provenienza degli stessi. So cosa stendo sulla pelle, e posso scegliere quale efficacia dare anche a livello energetico. Inoltre è economico e da tanta soddisfazione.

In questa sezione del blog trovate dunque ricette molto semplici, davvero alla portata di tutti, che prevedono pochi ingredienti (e soprattutto di facile reperibilità) e la cui realizzazione non implica mettere la cucina a soqquadro. Talvolta si tratta di ricettine per personalizzare basi già pronte, talaltre creiamo di sana pianta, ma le parole chiave sono semplicità, genuinità, e… rapidità.

Che dire se non… buona auto-produzione!!!

 



vai-store